Domani sciopero generale dei lavoratori delle costruzione a Roma

14 Marzo 20192min280
“Una delegazione di lavoratori – afferma il segretario generale Feneal Uil Giuseppe Tumbarello – partirà per la Capitale per manifestare la voglia di futuro"

“Sbloccare le opere cantierabili, far partire il Patto per il Sud 2019 con l’attivazione dell’incentivo occupazione per il Mezzogiorno, mettere in sicurezza scuole e strade provinciali, riqualificare i centri storici, promuovere investimenti in infrastrutture”.

Sono queste le richieste per il rilancio del settore edile trapanese che la Feneal Uil Trapani porterà in piazza venerdì prossimo, 15 marzo, in occasione dello sciopero generale proclamato da Fillea Cgil, Filca Cisl e Feneal Uil con una manifestazione che si terrà a Roma, in piazza del Popolo.

“Una delegazione di lavoratori – afferma il segretario generale Feneal Uil Giuseppe Tumbarello – partirà per la Capitale per manifestare la voglia di futuro, la voglia di scommettere, attraverso il lavoro, su un Paese più giusto  e moderno. I sindacati del comparto chiedono che le risorse stanziate vengano spese presto e bene, per tutte le grandi e piccole opere necessarie a creare occupazione e rilanciare il Paese. Serve una politica industriale per far ripartire l’edilizia, la filiera dei materiali (cemento, laterizi, lapidei, legno)e dell’arredo. Servono strumenti finanziari ad hoc, anche con il protagonismo di Cassa Depositi e Prestiti, che favoriscano investimenti immediati e a medio termine, per rilanciare le grandi aziende dei nostril settori e quindi tutto un indotto di piccole e medie imprese, anche artigiane. La provincia di Trapani soffre ormai da un decennio la crisi del settore delle costruzioni. Le tante iniziative che abbiamo portato avanti negli anni a livello locale e regionale non hanno dato i frutti sperati, per questo è il momento dello sciopero generale per dire basta alla perdita dei posti di lavoro e alla chiusura delle aziende. Vogliamo lavoro che dia dignità alle persone e a questa provincia. All’indomani dello sciopero torneremo a chiedere a Comuni, Libero Consorzio e Regione l’attivazione di tavoli per affrontare i problemi del comparto costruzioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo e-mail non verrà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati con *


© Copyright by Eslife Innovation S.r.l.s. All rights reserved. – P.IVA 02667580811 | Testata numero 210 del 18 gennaio 2018 – Registrata presso il tribunale di Marsala | Direttore responsabile: Mariella Ballatore