latr324 Luglio 20191min6

Londra, 24 lug. (AdnKronos) – , succedendo a . La premier uscente prenderà parte intorno alle 13, ora italiana, al question time alla Camera dei Comuni e poi terrà un ultimo discorso davanti a Downing Street. Successivamente, si recherà a Buckingham Palace per rassegnare formalmente le sue dimissioni nelle mani della regina Elisabetta. Johnson sarà quindi ricevuto dalla sovrana, prima di prendere possesso della residenza di Downing Street, dove terrà il suo primo discorso da premier.

L’annuncio dei membri del suo nuovo governo è atteso tra la tarda serata di oggi e domani. Sempre giovedì, Johnson interverrà ai Comuni, dove illustrerà il suo piano per la Brexit.

Ieri, nel suo discorso dopo l’annuncio della vittoria per la leadership dei Conservatori sul rivale Jeremy Hunt, Johnson ha confermato l’intenzione di realizzare la Brexit e riunire il Paese e il partito, dopo le aspre divisioni degli ultimi mesi.

latr323 Luglio 20192min10

Washington, 23 lug. (AdnKronos/Dpa) – La Casa Bianca ed il Congresso hanno raggiunto un accordo sul bilancio che sospende il tetto del debito per due anni. Lo ha annunciato Donald Trump con un tweet in cui definisce l’accordo raggiunto con i leader repubblicani del Senato e democratici della Camera “un vero compromesso” senza “pillole avvelenate”.

Una volta approvato da Camera e Senato, l’accordo scongiurerà per due anni il rischio di nuovi costosi ‘shutdown’ del governo federale ed anche il pericolo che il debito degli Stati Uniti possa andare in default. Nei giorni scorsi il dipartimento del Tesoro infatti ha avvisato che, senza una misura tesa a sollevare il tetto massimo del debito, il governo federale rischia di esaurire ogni liquidità entro il prossimo settembre. Attualmente il debito federale Usa supera i 22 trilioni di dollari.

“Non dobbiamo mai permette che la piena fiducia e credito degli Stati Uniti venga minacciata, per questo siamo orgogliosi di aver ottenuto la sospensione del limite del debito fino al 31 luglio 2021”, si legge in una dichiarazione congiunta della Speaker Nancy Pelosi e del leader della minoranza democratica al Senato, Chuck Schumer.

Mentre Mitch McConnell, leader della maggioranza repubblicana al Senato, ha sottolineato come questo accordo “assicuri le risorse di cui abbiamo bisogno per ricostruire le nostre Forze Armate”.

Negoziato da Pelosi e dal segretario al Tesoro, Steven Munchin, l’accordo prevede un netto aumento della spesa federale, e, come hanno scritto i leader democratici, “rafforzerà la nostra sicurezza nazionale ed investirà nelle priorità per la classe media migliorando la sanità, la sicurezza finanziaria ed il benessere degli americani”. Si prevede che possa essere approvato al Congresso prima della pausa estiva di agosto.

I democratici potranno vantare un aumento di 27 miliardi di dollari per le spese non militari, che arrivano a 632 miliardi, mentre Trump incassa un nuovo aumento del budget del Pentagono che arriva a 738 miliardi di dollari, 22 miliardi in meno di quanto avesse richiesto ma più di quello che i democratici inizialmente erano disposti a concedere.

latr322 Luglio 20191min10

Berlino, 22 lug. (AdnKronos/Dpa) – Il quartier generale del partito della sinistra tedesca Die Linke è stato evacuato oggi a Berlino dopo l’arrivo della minaccia di una bomba via mail. Una portavoce del partito ha riferito che la minaccia è arrivata questa mattina e il suo contenuto fa ritenere che provenga da ambienti di estrema destra. La polizia ha preso la minaccia molto sul serio e ordinato a tutte le persone presenti di abbandonare l’edificio, ha aggiunto la portavoce. La polizia blocca ora l’ingresso della sede del partito, nel centro di Berlino.

latr320 Luglio 20192min13

Londra, 20 lug. (AdnKronos) – “E’ stato veramente pauroso”, “nessuno riusciva a respirare”. A dirlo alla Bbc è il 26enne Michael Roberts, che ha offerto una prima testimonianza del misterioso attacco nella metropolitana di Londra, dove sarebbe stato diffuso del gas lacrimogeno. Roberts stava viaggiando sulla metro in direzione Oxford circus assieme alla sua ragazza, quando si è accorto che diversi viaggiatori guardavano verso il vagone successivo “dove c’era una certa confusione”. “Poi due tizi si sono precipitati freneticamente nel nostro vagone e la gente si è allontanata dalla porta. E’ stato in quel momento che tutti si sono resi conto di non riuscire a respirare”. Roberts ha detto di aver pensato in un primo momento che i due uomini fossero ubriachi per il modo in cui si sono gettati all’interno del vagone. E ha poi raccontato di essersi dovuto coprire il viso con la maglietta per riuscire a respirare. Tutto è successo mentre il convoglio stava viaggiando fra le stazioni di Green Park e Ofxord Circus, ha detto Roberts, aggiungendo che i treni erano mezzi pieni di gente. Il convoglio dove è avvenuto l’incidente è stato ora portato in deposito dove verrà esaminato, ha reso noto una portavoce della società dei trasporti londinese.

Un certo numero di persone è stato curato sul posto per tosse e difficoltà di respirazione, ha riferito la polizia aggiungendo che i sintomi suggeriscono si tratti di gas lacrimogeno. Non vi sono preoccupazioni per la salute delle persone interessate dai sintomi. La British Transport Police è stata allertata alle ore 9.13 locali. Le forze dell’ordine hanno diffuso le immagini delle telecamere di sorveglianza che riprendono due uomini a cui ora la polizia sta dando la caccia e si cerca l’aiuto di testimoni. “Chiunque abbia assistito all’incidente o conosca l’identità degli uomini deve contattare la British Transport Police”, recita l’appello diffuso oggi.

latr319 Luglio 20192min16

Madrid, 19 lug. (AdnKronos/Dpa/EuropaPress) – L’ex capo del Cartello di Sinaloa , è stato trasferito oggi in una prigione federale di massima sicurezza nello Stato Usa del Colorado, ha confermato il suo legale. “E’ qui, è appena arrivato”, ha detto Jeffrey Lichtman, avvocato del ‘Chapo’, al giornale locale Denver Post. Il narcotrafficante è stato rinchiuso in un carcere di Florence conosciuto come l”Alcatraz delle Montagne Rocciose’.

El Chapo è stato condannato all’ergastolo per aver introdotto grandi quantità di droga negli Usa; è stato riconosciuto colpevole per otto capi di accusa connessi al narcotraffico e al crimine organizzato; è stato inoltre condannato a 30 anni per porto abusivo di armi e ad altri 20 per riciclaggio di denaro. L’accusa principale è di narcotraffico, durato per 25 anni: si calcola che il narcotrafficante messicano abbia movimentato 528.576 kg di cocaina, 423mila kg di marijuana e 202 kg di eroina.

La sentenza ha messo fine a oltre due anni di processo, con 56 testimoni di accusa e uno solo della difesa. Il narcotrafficante messicano ha parlato in spagnolo per tredici minuti, tradotto da un interprete, sostenendo che “non è stata fatta giustizia” e denunciando un “trattamento crudele e inumano”, perché ha passato l’intero periodo del processo in isolamento, cosa che gli avrebbe provocato danni fisici e psicologici.

El Chapo è stato estradato negli Usa nel gennaio 2017, dopo essere evaso per ben due volte da carceri di massima sicurezza in Messico, la prima volta nel 2001 e la seconda nel 2015. Nel 2016 è stato arrestato definitivamente. Come misura di sicurezza, i nomi dei membri della giuria sono stati secretati. Ora si spera che espii la pena nel carcere in Colorado, dal quale nessuno è mai fuggito. Il ‘narco’ messicano, 62 anni di età, era diventato il criminale più ricercato dagli Usa dopo la morte di Osama bin Laden nel 2011. Il Cartello di Sinaloa è tuttora il maggior distributore di droga negli Usa tra i cartelli messicani, seguito dal cartello di Jalisco Nueva Generaciòn, secondo la Dea.


© Copyright by Eslife Innovation S.r.l.s. All rights reserved. – P.IVA 02667580811 | Testata numero 210 del 18 gennaio 2018 – Registrata presso il tribunale di Marsala | Direttore responsabile: Giampino Pamela Rita