latr318 Maggio 20192min5

Torino, 18 mag. – (AdnKronos) –

“Futuro? Ora non so niente, domani bisogna andare in campo e festeggiare. Magari una pausa mi farà anche bene”. E’ quanto ha detto Massimiliano Allegri nella conferenza stampa d’addio alla . “Ho bisogno anch’io di riposare, ma dopo il 15 luglio magari comincia a venirmi voglia di lavorare”, aggiunge Allegri. “Così però mi fate emozionare. Il pianto no, ho già dato ieri” conclude. “Ho espresso il mio pensiero su cosa potesse essere il bene della Juve in futuro e la dirigenza ha fatto le sue valutazioni sulla cosa, decidendo che il prossimo allenatore non fossi più io. Non avevo fatto richieste alla società: ho capito prima che fisiologicamente dovevamo separarci”.

Il presidente della Juve Andrea Agnelli l’ha ringraziato, regalandogli una maglia con il numero 5 con scritto ‘History Alone’. “Oggi non risponderò a nessuna domanda sull’allenatore della Juventus stagione 2019-20. Un allenatore ci sarà e su questo potrete stare tranquilli”. “Max ha messo insieme numeri incredibili, questi sono stati per me 5 anni bellissimi. Affetto, stima, riconoscenza, condivisione, fatica e soprattutto tante vittorie -prosegue il presidente bianconero-. Con Max siamo stati anche vicini di casa, condividendo il bar della colazione e tante cene. Io ho visto i suoi figli crescere e lui i miei”. “Tornando alla parte sportiva -aggiunge Agnelli-, la cavalcata fino a Berlino, l’anno successivo 15 vittorie consecutive tra ottobre e febbraio, il testa a testa col Napoli l’anno scorso e quest’anno il successo in anticipo, un percorso fantastico di cui la cosa che mi rende più orgoglioso è quella di aver trovato un amico sincero con cui potermi confidare su tanti argomenti”. “Sì, è stata la decisione più difficile da quando sono presidente. Era il momento giusto per chiudere un periodo straordinario anche se è stato difficile da capire”. “In questo momento non nascondo che ci sia un po’ di tristezza e commozione” conclude.

.

latr318 Maggio 20191min7

Torino, 18 mag. – (AdnKronos) – “Oggi sono qui per onorare Max, un allenatore che da solo ha scritto “. E’ quanto ha detto il presidente della Juventus, Andrea Agnelli, nel corso della conferenza stampa di addio del tecnico Massimiliano Allegri. “Oggi non risponderò a nessuna domanda sull’allenatore della Juventus stagione 2019-20. Un allenatore ci sarà e su questo potrete stare tranquilli”. “Max ha messo insieme numeri incredibili, questi sono stati per me 5 anni bellissimi. Affetto, stima, riconoscenza, condivisione, fatica e soprattutto tante vittorie -prosegue il presidente bianconero-. Con Max siamo stati anche vicini di casa, condividendo il bar della colazione e tante cene. Io ho visto i suoi figli crescere e lui i miei”. “Tornando alla parte sportiva -aggiunge Agnelli-, la cavalcata fino a Berlino, l’anno successivo 15 vittorie consecutive tra ottobre e febbraio, il testa a testa col Napoli l’anno scorso e quest’anno il successo in anticipo, un percorso fantastico di cui la cosa che mi rende più orgoglioso è quella di aver trovato un amico sincero con cui potermi confidare su tanti argomenti”. “Era il momento giusto per chiudere un periodo straordinario anche se è stato difficile da capire”. “Quando pensavo tra me e me dopo la sconfitta con l’Ajax di andare avanti con Max era un pensiero sincero -aggiunge Agnelli-. Poi sono seguite riflessioni che dimostrano la capacità di analisi di un gruppo per arrivare alla decisione”. “In questo momento non nascondo che ci sia un po’ di tristezza e commozione” ha concluso consegnando una maglia con il numero 5 ad Allegri con scritto ‘History Alone’.

latr318 Maggio 20193min7

L’Aquila, 17 mag. (AdnKronos) – Enel e Giro d’Italia, una storia fatta di vicinanza al territorio, passione e attenzione all’ambiente. E L’Aquila, che ha ospitato l’arrivo della settima tappa del Giro d’Italia, vinta dallo spagnolo Pello Bilbao (Astana Team), è stato l’occasione per ribadire questo legame che ormai dura da 4 anni in una città che dieci anni dopo il devastante terremoto del 2009 cerca di rinascere.

“Abbiamo sposato la maglia rosa in questi ultimi anni. Abbiamo rinnovato il nostro contratto”, spiega all’AdnKronos Carlo Tamburi, il direttore Italia del gruppo Enel. “Il giro d’Italia – spiega – è territorio, ambiente, passione, vicinanza della gente. Noi vogliamo portare chiaramente un servizio primario e una grande tecnologia ma anche una vicinanza a tutte le persone che quando passa il giro d’Italia sono in festa. Ci fa piacere condividere con loro questo momento”, sottolinea Tamburi.

E la tappa dell’Aquila è per l’Enel l’occasione per ribadire anche la vicinanza del gruppo ad una città colpita dal terremoto del 2009 ma che vuole rinascere. “Credo che l’organizzazione del giro – sottolinea Tamburi – abbia voluto dare una testimonianza di vicinanza forte e quindi sono venuto a testimoniare proprio qui personalmente la necessità che tutto il paese si stringa e contribuisca al recupero definitivo di questa città che è una città ricchissima di storia, di cultura, di valori, di prospettive e che è stata flagellata” dal terremoto. “La nostra presenza e quella del giro è un messaggio agli aquilani, a tutti quelli che lavorano ad una L’Aquila che torni rapidamente ad essere lo splendore di sempre”.

L’Enel guarda al territorio e alla sostenibilità. “Il tema della sostenibilità è un valore fondante di tutto quello che noi facciamo. E’ un’opportunità. Gli impegni nella sostenibilità sono investimenti per futuro non rappresentano dei costi”, sottolinea ancora Tamburi ricordando le parole dell’ad di Enel, Francesco Starace che in occasione dell’Assemblea degli azionisti del gruppo ha evidenziato che il tema della sostenibilità “non rappresenta un costo”. “E’ una visione superata” quella di pensare alla sostenibilità come un costo, ha spiegato Starace: “La sostenibilità è qualcosa di positivo. Tanto più siamo sostenibili tanto più il gruppo è redditizio”.

Enel in quanto partner del Giro d’Italia segue costantemente la gara e i 3.518,5 chilometri che i corridori quest’anno dovranno percorrere. A conferma della sintonia con i valori del Giro (energia, sostenibilità, bellezza, innovazione) e dell’attenzione al territorio il gruppo organizza al centro del villaggio, la Piazza Enel, uno spazio pubblico progettato per coinvolgere e accogliere tutti coloro che partecipano all’evento.

In quella Piazza tutto si trasforma in un piccolo mondo parallelo in cui spazi, contenuti, relazioni con il pubblico sono disegnati per essere stimolanti, aperti e accogliere tutti. Un momento di socializzazione che trasforma un spazio urbano in un centro vivo, creativo dove lasciar spazio per interagire.

Un ruolo importante hanno anche i canali sociali di Enel Energia. Un ruolo centrale, però, sarà riservato a Facebook, Instagram e Twitter. Sulla pagina Facebook di Enel Energia vengono infatti raccontate le tappe della vita. Sei donne e quattro uomini racconteranno la propria storia, ci parleranno delle loro “partenze”, “cadute”, “traguardi raggiunti”… Eroi della porta accanto che condivideranno le tappe salienti della propria vita. Proprio come il Giro d’Italia: si cambia, si cresce, si affrontano nuove responsabilità, nuovi ruoli, si vince e si fallisce di continuo. La partenza, la salita, lo scatto, la caduta, la vittoria sono tappe in cui tutti ci riconosciamo.

latr317 Maggio 20191min9

L’Aquila, 17 mag. (AdnKronos) – Enel e giro d’Italia, una storia fatta di vicinanza al territorio, passione e attenzione all’ambiente. E L’Aquila, che ha ospitato l’arrivo della settima tappa del Giro d’Italia, vinta dallo spagnolo Pello Bilbao (Astana Team), è stato l’occasione per ribadire questo legame che ormai dura da 4 anni in una città che dieci anni dopo il devastante terremoto del 2009 cerca di rinascere.

“Abbiamo sposato la maglia rosa in questi ultimi anni. Abbiamo rinnovato il nostro contratto”, spiega all’Adnkronos Carlo Tamburi, il direttore Italia del gruppo Enel. “Il giro d’Italia – spiega – è territorio, ambiente, passione, vicinanza della gente. Noi vogliamo portare chiaramente un servizio primario e una grande tecnologia ma anche una vicinanza a tutte le persone che quando passa il giro d’Italia sono in festa. Ci fa piacere condividere con loro questo momento”, sottolinea Tamburi.

E la tappa dell’Aquila è per l’Enel l’occasione per ribadire anche la vicinanza del gruppo ad una città colpita dal terremoto del 2009 ma che vuole rinascere. “Credo che l’organizzazione del giro – sottolinea Tamburi – abbia voluto dare una testimonianza di vicinanza forte e quindi sono venuto a testimoniare proprio qui personalmente la necessità che tutto il paese si stringa e contribuisca al recupero definitivo di questa città che è una città ricchissima di storia, di cultura, di valori, di prospettive e che è stata flagellata” dal terremoto. “La nostra presenza e quella del giro è un messaggio agli aquilani, a tutti quelli che lavorano ad una L’Aquila che torni rapidamente ad essere lo splendore di sempre”.

latr317 Maggio 20191min10

(AdnKronos) – L’Enel guarda al territorio e alla sostenibilità. “Il tema della sostenibilità è un valore fondante di tutto quello che noi facciamo. E’ un’opportunità. Gli impegni nella sostenibilità sono investimenti per futuro non rappresentano dei costi”, sottolinea ancora Tamburi ricordando le parole dell’ad di Enel, Francesco Starace che ieri in occasione dell’Assemblea degli azionisti del gruppo ha evidenziato che il tema della sostenibilità “non rappresenta un costo”. “E’ una visione superata” quella di pensare alla sostenibilità come un costo, ha spiegato Starace: “La sostenibilità è qualcosa di positivo. Tanto più siamo sostenibili tanto più il gruppo è redditizio”.

Enel in quanto partner del Giro d’Italia segue costantemente la gara e i 3.518,5 chilometri che i corridori quest’anno dovranno percorrere. A conferma della sintonia con i valori del Giro (energia, sostenibilità, bellezza, innovazione) e dell’attenzione al territorio il gruppo organizza al centro del villaggio, la Piazza Enel, uno spazio pubblico progettato per coinvolgere e accogliere tutti coloro che partecipano all’evento.


© Copyright by Eslife Innovation S.r.l.s. All rights reserved. – P.IVA 02667580811 | Testata numero 210 del 18 gennaio 2018 – Registrata presso il tribunale di Marsala | Direttore responsabile: Mariella Ballatore