Cultura: morto il sociologo e antropologo Pietro Bellasi

11 Agosto 20181min960

Milano, 11 ago. (AdnKronos) – Pietro Bellasi, sociologo e antropologo, storico e critico d’arte, è morto la scorsa notte a 85 anni nella sua casa di Milano dopo una vita dedicata agli studi accademici e all’arte, con studi fondamentali su Alberto Giacometti, il surrealismo e l’arte svizzera del ‘900.

Laureato all’Università di Ginevra, ha insegnato Sociologia del lavoro, Sociologia generale e Sociologia dell’arte alle Facoltà di Scienze politiche e di Lettere all’Università di Bologna e alla Sorbonne di Parigi. Promotore e collaboratore di numerose riviste scientifiche, ha ideato e diretto la collana editoriale ‘Indiscipline’ per l’editore Cappelli di Bologna. Oltre a numerose mostre personali, ha promosso e curato esposizioni a carattere antropologico ed estetico che hanno segnato tappe importanti di una ricerca epistemologica, che prosegue tutt’oggi, sui temi dell’interdisciplinarietà.

Tra queste ultime: Viaggio in piccoli mondi: la miniatura, il paese della dimensione (Milano, 1997); I Giacometti: la valle il mondo (Milano e Mannheim, 2000); U.S.A. 1929: lavoro, successo e miseria tra gli anni ruggenti e la grande depressione (Bologna, 2005; Milano, 2009); Un diavolo per capello: arte, acconciature, società (Bologna, 2006); Enigma Helvetia: arte, riti e miti della Svizzera moderna (Lugano, 2008); Corpo, automi, robot: tra arte, scienza e tecnologia (Lugano, 2009-2010); L’infanzia nell’opera di Paul Klee (Aosta, 2011); Pelle di donna: identità e bellezza tra arte e scienza (Milano, 2012).

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


© Copyright by Eslife Innovation S.r.l.s. All rights reserved. – P.IVA 02667580811 | Testata numero 217/2020 – Registrata presso il Tribunale di Marsala | Direttore responsabile: Cristina Agate