La Sigel Marsala Volley piega Sassuolo al tie-break (25-22, 23-25, 17-25, 25-18, 15-6)

12 Gennaio 20214min2140

Scintillante altalena di emozioni al Palabellina nel secondo recupero del mese di gennaio per la Sigel Marsala Volley che supera Sassuolo al tie-break e avvicina le posizioni di vertice del girone ovest di serie A2 Femminile. Un avversario più arcigno del previsto, che ha dato filo da torcere alle sigelline per lunghi tratti della gara, ma l’aver messo a dura prova la tenuta e la concentrazione delle azzurre non ha dato risultati proficui.
A partire meglio è Sassuolo che prende d’infilata Marsala e si porta sul +3 a metà parziale sfruttando anche l’invasione di campo fischiata a Mazzon. Sul 3-8 Amadio chiama il primo time out. Ma Sassuolo sembra più concentrata e il vantaggio si allunga. Primi 5 punti in fila di Marsala con Caruso e Mazzon sugli scudi scuotono Marsala fino al -2 (8-10) e questa volta è coach Barbolini a chiamare time out. Antropova però non ci sta e continua a fare la differenza, ma Marsala resta sempre incollata nel punteggio. Sul 15-18 si alza d’intensità l’attacco di Sassuolo, che torna a mettere in difficoltà Marsala incrementando il vantaggio sul +4 (15-19).
Mazzon va a sbattere sul muro di Dhimithriadi  e Marsala è a -4 (16-20) ma la Sigel fa presto a rientrare in gara con un break di 4-0 vede per la prima volta la parità (20-20). Una grande schiacciata di Caruso regala alla Sigel il primo vantaggio a Marsala e uno spettacolare ace di Pistolesi fa allungare la formazione lyibetana, con Sassuolo che effettua la prima sostituzione. Finale accesissimo, ma la tenacia premia la Sigel che con una grande rimonta si aggiudica il primo set (25-22).
Secondo set nel segno dell’ equilibrio, ma Mazzon e Caruso mantengono lo smalto della prima frazione sottorete e con un break portano Marsala sul 5-3. Ma le ospiti sono brave a rimontare. Caruso formidabile a muro e un fase di sbandamento delle emiliane costringono Sassuolo ad un time out. Marsala allunga di altri 5 punti e Sassuolo è un po’ nervosa con Aliata che finisce sul taccuino dei cattivi con l’ammonizione. Sassuolo però reagisce con un break di 0-3 che la porta al -1 e Amadio chiama time out. La Green Warriors non molla e continua la sua rimonta nei confronti di Marsala che a metà set sembra andare in confusione con le ospiti che allungano fino al +5 (15-20) con De Michelis ammonita per proteste. L’ingresso in campo di Soleti porta nuova linfa alle padroni di casa, ma Sassuolo mantiene il vantaggio in un set che, con un altro finale mozzafiato che si conclude con il 25-22 in proprio favore.
Nel terzo set torna in campo una scatenata e motivata Gillis, che mette a segno 3 punti consecutivi e tiene testa ad un avversario anche in questo caso partito bene, piegando a proprio favore l’andamento del match fino al 6-4. Le ospiti però ci credono e rimontano fino al +2 (09-11). Pistolesi tiene in piedi la baracca e con la sua doppia cifra mantiene le azzurre incollate nel punteggio. Quando però Civitico, Antropova e Dhimithriadi si alzano a muro non c’è n’è per nessuno e una pipe di Antropova firma il +5 (16-21). Il time out di Amadio non sembra cambiare le sorti del set, che gira appannaggio delle emiliane per 17-25.
È una Sigel più determinata ata quella che entra in campo nel quarto parziale che grazie all’energia delle sue schiacciatrici viaggia sul +6. Sassuolo che prende coraggio con un ace di Dolby ma Gillis, anche lei autrice di una gara in crescendo, non perdona. Con qualche piccola polemica nei confronti del duo arbitrale da parte di Marsala Sassuolo rientra in partita (16-12). Ma non basta alle emiliane perché i punti di Pistolesi e Caruso le ricacciano a -7 (13-20). Le avversarie non mollano e tornano sotto fino al -3 (20-17). Ma il finale è tutto in favore delle azzurre che con uno straordinario colpo di coda riescono respingere gli assalti e spediscono il match al tiebreak.
Nel set conclusivo le azzurre sanno come prendere i castagna le avversarie fino al cambio campo (8-4). L’adrenalina di Marsala sfinisce le avversarie che vedono sfuggire di mano la gara quando Caruso si alza a muro e la Mazzon torna a a picchiare sottorete portando Marsala ad un successo di 2 punti che per la grinta dimostrata vale oro.
Prossimo impegno delle azzurre, in un altro recupero, domenica 17 gennaio volta contro il Club Italia Crai.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


© Copyright by Eslife Innovation S.r.l.s. All rights reserved. – P.IVA 02667580811 | Testata numero 217/2020 – Registrata presso il Tribunale di Marsala | Direttore responsabile: Paolo Di Girolamo