La Cgil, la Slc Cgil e lo Spi Cgil dicono “no” alla totale privatizzazione di Poste Italiane e alla conseguente riduzione degli sportelli

2 Aprile 20241min0
foto-Poste-Italiane

Mobilitazione della Cgil, della Slc Cgil, dello Spi Cgil e dei lavoratori per dire “no” alla svendita di Poste Italiane. Domattina dinnanzi gli uffici postali di Trapani, Marsala, Alcamo, Mazara del Vallo e Castelvetrano i sindacalisti della Cgil distribuiranno il volantino che illustra le ragioni del “no” alla decisione del Governo, stabilita nella manovra finanziaria, di cedere le proprie quote azionarie ai privati di alcune Aziende strategiche, tra cui Poste Italiane.
“La completa privatizzazione di Poste Italiane – dicono i segretari della Cgil Liria Canzoneri, della Slc Luigia Dionisi e dello Spi Cgil Franco Colomba – prevederà un nuovo piano industriale che determinerà la soppressione di alcune filiali con la conseguente riduzione del personale. Inoltre, a essere penalizzata sarà anche parte della popolazione anziana che non può utilizzare gli strumenti digitali.Il nostro obiettivo – concludono – è quello di difendere Poste Italiane, azienda su cui il Governo dovrebbe mantenere il controllo economico per il bene del Paese”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


© Copyright by Eslife Innovation S.r.l.s. All rights reserved. – P.IVA 02667580811 | Testata numero 217/2020 – Registrata presso il Tribunale di Marsala | Direttore responsabile: Cristina Agate