Palermo: mappatura in 3D svela i segreti di Palazzo dei Normanni (2)

26 Giugno 20181min570

(AdnKronos) – Il rilievo tridimensionale e le banche dati hanno consentito di ‘leggere’ la straordinaria sintesi di culture arabo, greco-bizantina e normanna espresse da Palazzo Reale e di passare ai raggi X, grazie alle più innovative tecniche diagnostiche, i mosaici della Cappella Palatina, della Stanza di re Ruggero, della Sala dei Venti e delle Segrete. Le vecchie planimetrie topografiche risalenti ai Borboni sono state sostituite con carte aggiornate in grado di garantire una migliore conservazione dell’intero complesso architettonico. “Palazzo Reale – ha sottolineato il coordinatore del progetto Ruggero Longo – è un palinsesto architettonico straordinario che racconta una storia lunga 2500 anni e nelle cui stratificazioni sono celati diversi tesori”.

Fra i tesori ‘svelati’ quello della stanza di re Ruggero che è stato dimostrato essere realmente la sua stanza. “Abbiamo scoperto – ha aggiunto Longo – che si configurava come una loggia belvedere, un luogo di rappresentanza del Palazzo dedicato però a udienze private”. Scoperte importanti anche per la Cappella Palatina. Le indagini condotte hanno mostrato come in realtà la Chiesa inferiore non sia la primitiva Cappella ma anzi le due facciano parte di un’unica struttura costruita secondo un unico progetto e concepite insieme. “Quindi – conclude Longo – la primitiva cappella non sappiamo ancora dove si trovi”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *


© Copyright by Eslife Innovation S.r.l.s. All rights reserved. – P.IVA 02667580811 | Testata numero 217/2020 – Registrata presso il Tribunale di Marsala | Direttore responsabile: Cristina Agate